Cerca nel sito

Circo Glaciale M. Alto - Sorgenti del Secchia

Località:

Passo del Cerreto - 42037 Collagna

Come arrivare:

Accessibilità: Per visitare la località occorre raggiungere in auto il p.sso del Cerreto che dista dal capoluogo km 12. Si percorre la SS 63 in direzione p.sso del Cerreto, qui giunti è possibile raggiungere le Sorgenti del Secchia attraverso il sentiero 00 fino al p.sso dell'Ospedalaccio e poi il sentiero CAI 671.
Dislivello 1260 - 1550.
Tempo di percorrenza h. 1.30.

Area Turistica:

Area Turistica
Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-emiliano

Zona Geografica:

Zona Geografica
Appennino

Testo Analitico:

Descrizione
Questo percorso ci conduce all'interno dello splendido circo glaciale che si apre nel versante Est del M. Alto, tra la quota 1860 m.s.l.m., un tempo probabilmente occupato da un lago. Nel periodo di massima espansione il ghiacciaio dell'Alta Val Secchia ebbe con ogni probabilità una lunghezza di circa 3 km giungendo sino a quota 1000 m.s.l.m. in corrispondenza della Gabellina del Cerreto. La morfologia glaciale
I ghiacciai in epoche passate occupavano buona parte dei rilievi appenninici. La loro azione di erosione e deposizione ha modellato caratteristiche morfologiche che è possibile ammirare anche oggi. Una delle più evidenti e importanti è il circo glaciale. Il circo glaciale delle Sorgenti del Secchia è tra i più belli dell'Appennino: una grande nicchia di forma semicircolare, con ripide pareti, scavata nel fianco roccioso di M. Alto (1860 m.s.l.m) esposto a nord est. Da questa zona di accumulo il ghiacciaio si insinuava nell'alta Val Secchia, giungendo fino alla Gabellina. La geomorfologia
L'aspetto del paesaggio è il risultato sia dei processi che lo hanno modellato e che lo modoficano incessantemente, sia del tipo di roccia presente.
Ove sono presenti formazioni argillose accade che, in occasione di eventi meteorologici eccezzionali o stagionali, le rocce perdano la loro coesione e vengano erose con estrema facilità dalla acque superficiali. Allorchè cominciano a crearsi solchi entro questi terreni teneri, l'erosione si accentua rapidamente, le incisioni si approfondiscono e si allungano a ritroso, ramificandosi e moltiplicandosi. La geologia
In corrispondenza della stazione 4 (vedi percorso natura n 8) affiorono rocce calcaree di colore grigio chiaro, più scure se fratturate di fresco. Mettendo a contatto queste rocce con acido cloridrico, o succo di limone, si osserva una effervescenza.
Esse presentano una stratificazione abbastanza regolare e si sono depositate milioni di anni fa in bacini marini profondi. Talvolta è possibile rinvenire al loro interno tracce fossili dal disegno molto caratteristico, simile ad un complesso labirinto. L' area, di grande interesse paesaggistico, permette un'ampia visuale sulla valle del fiume Secchia, serrata tra il massiccio dell'Alpe di Succiso, monte Casarola e dei monti La Nuda, Maccagnino.
Ultimo aggiornamento: 8 Marzo 2021

Comune:

Ventasso
Via della Libertà, 36
42032 Ventasso (RE)
0522 891120
0522 891520

A cura della redazione IAT Informazione e Accoglienza Turistica dell'Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano
Via Franceschini 1/a - 42035 Castelnovo ne’ Monti (R.E.) | Tel. 0522 810430 Fax 0522 812313 | E-mail: iat@appenninoreggiano.it