Cerca nel sito

Il Lambrusco Reggiano

Località:

42026 Canossa

Descrizione:

Area estesa di produzione

Zona tipica di produzione:

Zona matildica, bassa collina

Origini storiche:

Origini Storiche
Le prime testimonianze di vitigni denominati lambruschi ci giungono dagli Etruschi, ma i documenti storici più significativi sono di epoca romana, quando vengono chiamate "lambrusche" le viti selvatiche locali, nate spontaneamente da seme. Solo in un'opera del 1596 il termine "lambrusca" rappresenterà una varietà specifica anziché un a vite selvatica. Il primo riconoscimento internazionale risale all'Esposizione di Parigi del 1900, dove il lambrusco reggiano riceve una medaglia di bronzo. Nel Novecento nascono le prime cantine sociali e nel 1971 ottiene la doc.
(P.G. Oliveti, 1999)

Attrezzi:

Tecniche Tipiche
Il lambrusco prodotto artigianalmente viene imbottigliato a primavera, nel periodo della luna di marzo, e fatto rifermentare in bottiglia, senza poi eliminare i lieviti.

Ingredienti:

Prodotti Tipici
Lambrusco reggiano
Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2019

Comune:

Canossa
Piazza Matteotti, 28 - loc. Ciano d'Enza
42026 Canossa (RE)
0522 248411
0522 248450

A cura della redazione IAT Informazione e Accoglienza Turistica dell'Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano
Via Franceschini 1/a - 42035 Castelnovo ne’ Monti (R.E.) | Tel. 0522 810430 Fax 0522 812313 | E-mail: iat@appenninoreggiano.it