Cerca nel sito

Le vie moderne di arrampicata della Pietra di Bismantova

Località:

Pietra di Bismantova - 42035 Castelnovo Ne Monti

Come arrivare:

Località: Castelnovo nè Monti
Percorso: Da Reggio Emilia si raggiunge percorrendo la SS 63 in direzione Passo del Cerreto
Distanza da Reggio Emilia km 44

Servizi Offerti:

AVVERTENZE E INFORMAZIONI
Arrampicate: nell'intestazione compaiono i nomi dei primi salitori e l'anno in cui la via è stata aperta, lo sviluppo, la difficoltà complessiva espressa nella scala francese e l'orario riferito a una cordata allenata che procede a comando alternato.
Materiale: quanto specificato esso risponde a particolari esigenze della via in oggetto ed eccedente la normale dotazione alpinistica (per normale dotazione alpinistica si intende: una corda di 70 m, una casco, 10 rinvii e qualche cordino e 5 moschettoni a ghiera) occorrente nelle vie in cui non è specificato.
Per quanto riguarda l’arrampicata sportiva, minimo sono richiesti 12 rinvii, casco, corda da 70 metri.
Per la particolare qualità della roccia e per la sua caratteristica si consiglia vivamente di arrampicare con scarpette d’arrampicata sportiva.
All’interno delle guide specifiche sull’arrampicata sportiva, vengono indicate tutte le informazioni che servono per fare sport in sicurezza.

Per la particolare qualità della roccia e per la sua caratteristica si consiglia vivamente di arrampicare con scarpette a suola liscia. Accanto al nome della via compaiono dei più che indicano, secondo il giudizio comune la bellezza della via:
+ via discreta
++ via bella
+++ via molto bella.
Assieme alla valutazione complessiva compaiono dei cerchietti che stanno ad indicare la qualità complessiva delle assicurazioni:
° via con chodi brutti e poche possibilità di assicurazione
°° via con chiodi buoni
°°° via con chiodi eccellenti (SPIT)
SCALA DELLE DIFFICOLTA'
Si è usata la scala francese (F-PD-AD-D-TD-ED-EX) nella valutazione complessiva della via, tenendo quindi conto, oltre che delle pure difficoltà tecniche, anche della chiodatura, della qualità della roccia e delle possibilità di assicurazione. Nella parte introduttiva di alcune vie particolarmente pericolose, per la qualità della roccia e per lo stato di chiodatura si è provveduto ad aggiungere delle note di avvertimento.
La scala U.I.A.A. è stata utilizzata per la valutazione dei singoli passaggi di arrampicata seguita dal segno + o dal segno - a econda dei casi. Per le difficoltà in artificiale si è mantenuta la gradazione classica (A1-A2-A3-A4) con l'avvertenza che essa non indica necessariamente la verticalità della parete, ma lo strato di chiodatura e la distanza dei chiodi; per A0 si intende l'uso dei chiodi senza le staffe.

Programma:

LE PRINCIPALI ARRAMPICATE DELLA PIETRA DI BISMANTOVA
La Pietra di Bismantova nel medio Appennino reggiano può considerarsi la più interessante e completa palestra di roccia di tutta l'Emilia Romagna, anche se, per le sue caratteristiche geografiche, morfologiche e tecniche, è ben fruibile dagli alpinisti e dagli escursionisti di tutta l'Italia settentrionale.
Si tratta di un massiccio ed imponente pacco calcarenitico appoggiato, con continuità di sedimentazione, su delle argille marnose che ne formano il basamento. La sommità è costituita da un vasto panoro di 12000 mq ca. coperto da un magro strato terroso che forma una stupenda prateria cespugliata ed il cui punto più alto è posto a 1047m s.l.m.
Leggermente degradante verso Settentrione, il pianoro sommitale è un indimenticabile belvedere sulla catena appenninica parmense-reggiana-modenese e, nelle giornate particolarmente limpide, oltre la Pianura Padana, anche su quella alpina. Che si ammiri l'imponente versante sud est, o la serie delle fessure, degli strapiombi, delle placche del versante sud, o il versante ovest, addolcito, ma quasi sopraffatto dalla vegetazione, o, infine, l'ormai caratteristico profilo da nord che tanti spunti ha offerto a scrittori e poeti, la pietra di Bismantova sa offrirsi sempre come mirabile esempio creativo della natura. A sud est, sopra gli abitati di Campolungo, Fontana Cornia, Casale, Maro, Vologno, la parete forma una lunga costiera sempre superiore ai 110 m di altezza per lo sviluppo di c. 700 m; a sud, sopra Ginepreto e Carnola, l'altezza delle pareti varia dai 40 ai 120 metri per uno sviluppo di 250 m ca., mentre ad ovest, sopra Castelnovo ne' Monti, si innalza una modesta fascia rocciosa alta una sessantina di metri e con uno sviluppo di ca 500.
A est due enormi frane di massi che scendono fino a lambire gli abitati di Fontana Cornia e Casale, danno vita a due suggestive zone di Bismantova: l'Orto del Mandorlo e la Sassaia, mentre a sud, al piazzale Dante, arriva la strada asfaltata che sale da Castelnovo ne' Monti e, poco sopra una bella scalinata in sasso, trovano posto, sotto gli strapiombi delle pareti, un antico Eremo, già dei Padri Benedettini e ora ristrutturato ad albergo ristorante, ed un Rifugio Kreüz.
ITINERARIO IN DETTAGLIO
La Pietra offre diverse appassionanti lunghe vie, da svolgere con personale qualificato e con le giuste capacita.
Alcune vie molto importanti e sicure possono essere le Vie All’anfiteatro come: Pincelli Brianti e le sue Varianti, Nino Marchi, che sono solo alcune delle più ripetute e conosciute

Monotiri:
Sulla Pietra è possibile effettuare innumerevoli monotiri con una chiodatura sportiva, su tutta la parte inferiore divisa in innumerevoli settori con varie difficoltà per tutti, oppure nella parte alta effettuando manovre di calata e dove sono richieste capacità tecniche particolari e rischiose.

Via Nino Marchi (arrampicata classica su diedro strapiombante) +++
Prima ascensione: M. Vigo - A. Pandolfo 1971
Sviluppo: 135 m
Difficoltà: ED-°°
Ore: 1-3
L'attacco è posto in comune con via dei Bolognesi. Si sale per una facile lama fino ad un chiodo e si attraversa a destra; si sale poi per una fessurina che si abbandona per salire su placca fino ad un vasto terrazzo. Salire ora il diedro strapiombante, con forti difficoltà, fino ad una esile sosta sulla sinistra del diedro stesso.
Obliquare a sinistra fino ad una lama, superarla e salire il facile diedro finale che porta in cima.

Via Zuffa Ruggero 1970 (completamente in fessura) ++
Prima ascensione: G. Zuffa - F. Ruggero 1970
Sviluppo: 120 m
Difficoltà: ED°°
Ore: 3-4,30
Superata la prima paretina attrezzata della ferrata, attraversare a sinistra fino ad una fessura che segna l'attacco della via.
Salire la fessura camino fino ad una scomodissima sosta sotto ad una sporgenza. Continuare verticalmente, prima in libera con difficoltà, poi aiutandosi con i chiodi, fino ad una scomoda sosta su staffe.
Proseguire verticalmente per la fessura con forti difficoltà fino ad uno strapiombo, evitarlo a sinistra con un passo molto duro fino ad una scomoda sosta. Salire per il magnifico diedro di ottima roccia fino in cima.


Tre di questi si segnalano nella parte bassa:
Blade Runner (6c), Attrazione (7a), Illusione (7a+).

Nella parte sommitale, calandosi dal pianoro, sono presenti tiri moderni molto esposti tra i quali segnaliamo: Roberta Aiutami +++
Prima ascensione: S. Righetti - G. Aimi 1985
Sviluppo: 80 m
Difficoltà: ED-°°°
Ore: 2,30 - 3,30
L'attacco si trova circa a 6 m a destra della via edl Ciccone, al centro dell'evidente placca a sinistra della via dell'U.I.S.P..
Continuare ora per questa via fino alla sosta sotto al diedro. Salire per 6 m e traversare a sinistra fino a una clessidra con fettuccia; innalzarsi verticalmente per fessurine fin dove esse terminano, doppiare lo spigolo e arrivare ad un ottimo bong.
Salire verticalmente per parete aperta con forti difficoltà fino in cima.

Pesce Lesso +++ (AL MOMENTO NON PRATICABILE CAUSA FRANA)
Prima ascensione: A. Corticelli 1985
Sviluppo: 40 m
Difficoltà: 9-°°°
Ore: 0,45 - 1
Welcome to Badolo +++
Prima ascensione: A. Corticelli 1985
Sviluppo: 30 m
Difficoltà: 9-°°°
Ore: 0,45 - 1
G. Aimi, S. Righetti, 1986

La selezione delle vie di arrampicata è stata svolta da Daniele Magnani.
Aggiornamento dei testi a cura di Alex Stecchezzini.

Per ulteriori info cercare Guida online arrampicata Pietra di Bismantova sui principali motori di ricerca web.
Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2019

Comune:

Castelnovo ne' Monti
Piazza Gramsci, 1
42035 Castelnovo ne' Monti (RE)
0522 610111
0522 810947

A cura della redazione IAT Informazione e Accoglienza Turistica dell'Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano
Via Franceschini 1/a - 42035 Castelnovo ne’ Monti (R.E.) | Tel. 0522 810430 Fax 0522 812313 | E-mail: iat@appenninoreggiano.it