Cerca nel sito

Sentiero dei Ducati - 7° tappa da Succiso Nuovo al Lagastrello

Contatti:

Località:

42030 Ramiseto

Descrizione:

A path through dukedoms
From the river Enza to Lunigian

Periodi di svolgimento:

Può essere percorso in ogni momento dell'anno senza particolari problemi, in quanto non raggiunge quote molto elevate. Tuttavia in inverno può trovarsi ugualmente neve nella parte centrale dell'itinerario. Le tappe più basse, invece, possono essere particolarmente afose nei mesi estivi.

Modalità di svolgimento:

A piedi

Organizzazione:

Il Sentiero dei Ducati è stato rinnovato nel 2004 dalla Provincia di Reggio Emilia che ne cura anche la manutenzione con la collaborazione del C.A.I.

Percorso:

Il sentiero dei Ducati, che collega la pianura padana alla costa tirrenica, è il primo itinerario transappenninico. L'intero percorso, segnalato con strisce bianche e rosse, può essere effettuato in una decina di giorni di cammino e generalmente, viene diviso in undici tappe di cui 7 nella provincia di Reggio Emlia.
Dati totali riferiti al sentiero dei Ducati (percorso base in provincia di Reggio, escluse deviazioni per i pernottamenti ):
Km tot. 82,3 – dislivelli totali: + 4295 m, - 3090 m – tempo tot. ore 29,30.
Il percorso consente numerose varianti locali che ne permettono una fruizione articolata, anche con tratti ad anello..

Area Turistica:

Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-emiliano

Zona Geografica:

Appennino

Dettaglio itinerario:

TAPPA 7: SUCCISO NUOVO – LAGASTRELLO. Km 10,3 – disl. + 400 m salita, - 210 m discesa – tempo 3.20 ore Ristorante a Miscoso Da Succiso Nuovo 975 m si scende per un tratto la strada provinciale fino ad un tornante presso il greto del Torrente Liocca: si scende a sinistra a varcarlo su passerella e si risale il versante opposto con un lungo tornante che aggira la Costa del Ciglio e scende poi su mulattiera nella valletta del Rio Scuro. Dopo due guadi si raggiunge la strada provinciale del Lagastrello, che si abbandona poco dopo per salire di nuovo a sinistra. Si riattraversa la strada e sull'antico percorso si entra a Miscoso 915 m (1.10) presso la chiesa.
Si sale alla strada provinciale (ristorante) e si attraversa salendo lungo il sent. 657 sulla panoramica Costa Magnano, fino ai dossi della Costalta 1172 m. Ai piedi del M. Fugacciaro si lascia il sent. 657 per il Lago di M. Acuto e il rif. Sarzana che scende a sinistra, e si prosegue a destra lungo l'antica mulattiera per i pascoli del Lagastrello. La si segue integralmente toccando il rifugetto per i pastori eretto nella piana di Spiaggia Bella 1208 m, si varca il Rio Canalaccio e si sale ad incrociare il sent. 659: lo si segue a destra, e si scende a varcare il Rio Garzoli raggiungendo una radura con Maestà ottocentesca in vista del Lago Paduli o Lagastrello: a sinistra il sent. 659A e il SD proseguono verso la Foce di Torsana e la Lunigiana (posto-tappa successivo a Sassalbo, h 4.00) mentre a destra si scende in pochi minuti al parcheggio della strada provinciale presso la sponda destra del ponte del Lagastrello 1150 m presso la diga del grande lago artificiale (2.10; 3.20).
Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2019

Comune:

Ventasso
Via della Libertà, 36
42032 Ventasso (RE)
0522 891120
0522 891520

A cura della redazione IAT Informazione e Accoglienza Turistica dell'Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano
Via Franceschini 1/a - 42035 Castelnovo ne’ Monti (R.E.) | Tel. 0522 810430 Fax 0522 812313 | E-mail: iat@appenninoreggiano.it