Cerca nel sito

Sentiero Spallanzani - 8° tappa dal Rifugio C. Battisti a S. Pellegrino in Alpe

Contatti:

Località:

42039 Ligonchio

Periodi di svolgimento:

La parte più alta del percorso presenta difficoltà nel periodo invernale, con neve e gelo, ma è consigliabile in estate, per il clima fresco.
Naturalmente, per la verietà e l'intensità dei colori è consigliabile percorrere l'itinerario in autunno e primavera.

Modalità di svolgimento:

A piedi

Percorso:

Il sentiero Spallanzani, dedicato allo scienziato Lazzaro Spallanzani, attraversa tutte le fasce vegetazionali dell'Appennino reggiano (collinare, montana, culminale), da Scandiano fino a S. Pellegrino in Alpe, sul crinale reggiano.
Il sentiero, è contrassegnato, oltre che dai segni bianchi e rossi del CAI da un simbolo a farfalla e dalla sigla SSP.
Il percorso non presenta particolari difficoltà tecniche, è praticabile anche da escursionisti non esperti e si presta bene al trekking a cavallo. Il sentiero, lungo 115 km, viene generalmente percorso a tappe, perlopiù sette, per un totale di circa 35h di cammino.

Percorso:

Il Rifugio C. Battisti si raggiunge dalla località Case di Civago percorrendo il sentiero CAI 605 (2h30')

Area Turistica:

Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-emiliano

Zona Geografica:

Appennino

Dettaglio itinerario:

Itinerario in Dettaglio Parte descrittiva relativa alla tappa dal Rifugio Cesare Battisti a S. Pellegrino in Alpe. Durata: 5,30h circa
Dislivello salita: 800 m;
Dislivello discesa: 50 m. Dal p.sso di Lama Lite si imbocca il sentiero 605-633 in direzione Sud-Est in discesa in un vallone ai piedi del Monte Cipolla. Cavalli e bici dovranno invece raggiungere il Passo delle Forbici attraverso la strada forestale dell' Abetina Reale passando al rifugio Segheria.
Poco sotto il valico si volta a destra sul sentiero 633 verso Bocca di Massa. Si snoda a mezza costa del fianco settentrionale del Monte Prado, in una brughiera di mirtilli, frammiste a colonie di brachipodi. Tra le roccette sono comuni le sassifraghe o il semprevivo. Si tratta il Rio Torto, ramo sorgentizio del Dolo, nella cosiddetta Valle dei Porci, e attraversa l'anfiteatro del Monte Vecchio e l' omonimo laghetto-torbiera si risale gradualmente (facile l' avvistamento di mufloni) alla Bocca di Massa (1806 m; 2h), valico di crinale da cui è visibile la valle del Serchio e la piana di Corfino (Parco dell' Orecchiella). In direzione Est si prosegue ora sul sentiero 00 di crinale; più tardi il sentiero stesso lascia il crinale per una ripida discesa in un bosco di faggi, discesa che porta a una carraia a pochi metri dal passo delle Forbici (1574 m; 1h; 3h).
Dal passo si segue la strada forestale che sale verso est sul fianco del monte Giovarello. Al passo del Giovarello la carraia prosegue verso i Prati di San Geminiano. La si abbandona per rimanere sul crinale che in breve guadagna la cima della Nuda (1705 m) per poi scendere in un' altra faggeta fino a incontrare le ampie carrareccie che conducono al Passo delle Radici (1529 m; 1,30h; 4,30h). Qui convergono anche il Sentiero Matilde e la Via Bibulca. Dietro al ristorante-albergo delle Radici si scende lungo la pista da sci per imboscare a sinistra un sentiero poco visibile nel bosco (il Sentiero Spallanzani in questo tratto segue lo stesso tracciato del Garfagnana Trekking).
A mezza costa nel bosco si scende leggermente nel fino ai prati di Villa bianca (Fattoria con fonte). Qui una carraia in leggera salita ci conduce a prati del Pradaccio (casa per ferie gestita dall' associazione Il Sentiero di Massa) e infine al paese di S. Pellegrino in Alpe 1500 m (1h; 5,30h), termine del Sentiero Spallanzani.
A S. Pellegrino, oltre al bel panorama sulle Apuane, è possibile visitare l'Ospizio, tappa importante per i pellegrini medioevali, la chiesa e il museo sulla cultura montana.
Da S. Pellegrino il Sentiero Spallanzani si collega idealmente al Garfagnana Trekking (GT), e alla Via Vandelli, percorribile fino a Massa lungo un percorso simile a quello compiuto da Lazzaro Spallanzani nel 1783 per studiare le acque di superficie.
Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2019

Comune:

Ventasso
Via della Libertà, 36
42032 Ventasso (RE)
0522 891120
0522 891520

A cura della redazione IAT Informazione e Accoglienza Turistica dell'Unione Montana dei Comuni dell’Appennino Reggiano
Via Franceschini 1/a - 42035 Castelnovo ne’ Monti (R.E.) | Tel. 0522 810430 Fax 0522 812313 | E-mail: iat@appenninoreggiano.it